Single Blog Title

This is a single blog caption

SERIE B: UNA GRANDE LIBERTAS ESPUGNA IL PALAISEO DI MILANO

[vc_row][vc_column][vc_custom_heading text=”SERIE B: UNA GRANDE LIBERTAS ESPUGNA IL PALAISEO DI MILANO” font_container=”tag:h3|font_size:38|text_align:center|color:%233a3a3a|line_height:1.2″ google_fonts=”font_family:Montserrat%3Aregular%2C700|font_style:400%20regular%3A400%3Anormal” css=”.vc_custom_1471777028983{padding-bottom: 35px !important;}”][/vc_column][/vc_row]


Basket femminile Milano – Libertas Bologna 44-46 (12-11;24-23; 31-28)


Bellissima vittoria della Libertas che, dopo essere stata sotto per gran parte del match, prende in mano la gara negli ultimi minuti di gioco e, guidata dalle sue guardie Aleotti e Lolli Ceroni, riesce ad espugnare il PalaIseo di Milano. La partita si conclude con il punteggio di 44-46. Per la Libertas, grandissima prestazione da parte di Percan che mette a segno una doppia doppia da 16 punti e 11 rimbalzi. Sugli scudi anche Lolli Ceroni con 11 punti e Servillo con 6 punti e una prova di grandissima intensità. Per Milano, da citare i 13 punti di Smaldone. La sfida decisiva per la conquista dell’A2 passa sicuramente per la gara di sabato prossimo, 27 maggio, alla palestra Pertini di Bologna.


Milano: Smaldone – Minardi – Ranzini – Capucci – Contestabile


Bologna: Servillo – Lolli Ceroni – Aleotti – Santucci – Percan


Nell’andata della finale playoff di Serie B parte molto bene Milano che, spinta dal suo pubblico, mette subito a segno un 4-0 firmato da Smaldone e Ranzini. Le bolognesi si mettono in partita con la tripla di Servillo, Contestabile risponde da oltre l’arco dei 6.75, poi ancora Lolli Ceroni sempre da tre, 7-6. Capucci riesce ad infilarsi bene nella difesa rossoblu, ma Lolli Ceroni con un gioco da tre punti riesce ad impattare il match a quota 9. Negli ultimi minuti di primo quarto le due squadre si rispondo a suon di liberi con Ranzini, Trombetti e Cestari. Dopo 10′ il punteggio è di 12-11 in favore di Milano.


All’inizio del secondo quarto le squadre incontrano ancora difficoltà al tiro e a sbloccarsi per prima è Bologna con il libero di Servillo e il canestro di Percan che le danno il primo vantaggio, 12-14. Gottardi e Smaldone riportano su Milano, ma Torresani e Percan rispondono nuovamente per il 16-18 di Bologna. Gottardi impatta con due liberi, ma Percan e Aleotti portano a +3 le rossoblù, 18-21. Milano però non si butta giù e infila un break di 6-0 con Smaldone e Capucci che le permette di tornare sopra, 24-21. L’ultimo canestro del primo tempo è però di Bologna che con Percan accorcia a -1. Dopo 20′ il punteggio è di 24-23 per le padrone di casa.


Al ritorno in campo Milano parte fortissima, complici anche le difficoltà offensive della Libertas, e piazza un parziale di 7-2 firmato da Contestabile, Smaldone e Capucci, 31-25. Le bolognesi dopo le grandi difficoltà riescono però a trovare la via del canestro con capitan Trombetti e Servillo. Il terzo quarto non ha molto da dire dal punto di vista realizzativo da entrambe le parti. Dopo 30′ il punteggio è di 31-28 a favore delle lombarde.


L’ultimo e decisivo quarto inizia con il canestro di Lolli Ceroni per il -1 di Bologna, Minardi e Contestabile danno la scossa a Milano, Percan prova a tenere su le sue, ma Minardi e Gottardi riportano su le lombarde, 39-34. Dopo una disastrosa serata al tiro però, si sblocca Aleotti che insacca due triple di fila e fa tornare in vantaggio Bologna, 39-40. Lolli Ceroni continua il lavoro iniziato dalla compagna e segna da oltre i 6.75, Ranzini risponde, ma Percan e Servillo danno alle bolognesi il massimo vantaggio, 41-46. A nulla servono i canestri finali di Ranzini e Smaldone: la sirena suona. Bologna vince la gara di andata con il punteggio di 44-46 in casa di Milano.


Milano: Contestabile 7, Smaldone 13, Minardi 4, Gottardi 6, Cestari 2, Marini 0, Odescalchi 0, Boselli 0, Bisanzon 0, Ranzini 6, Capucci 6, Iovene 0.


Bologna: Gilioli 0, Torresani 2, Servillo 6, Lolli Ceroni 11, Venturi 0, Bettini 0, Trombetti 4, Percan 16, Romagnoli 0, Santucci 0, Bottarelli 0, Aleotti 7.